Casamicciola Grand Prix 2012: Tori Cattivi fino all’ultima curva.

169179_4866048011875_154903445_oAcqua e ferro sono da sempre acerrimi nemici, ma in questo caso la ruggine c’entra poco. Quando, come nel caso dei carrocci del GdC Championship, il metallo più comune è impiegato come superficie di contatto con l’asfalto su veicoli che già normalmente lottano contro le leggi della fisica, un circuito bagnato azzera del tutto l’aderenza rendendo particolarmente difficile il lavoro dei piloti. Tuttavia, nemmeno le abbondanti piogge del fine settimana sono riuscite a fermare la 4^ tornata del GdC Championship 2012 e, anzi, hanno reso ancor più avvincente il Casamicciola Grand Prix inserendo un’ulteriore difficoltà a uno dei circuiti più impegnativi e tecnici di tutto il campionato.

Casamicciola Grand Prix 2012 Condizioni Tracciato

 

Partite alle ore 11:30 di domenica 28 ottobre, i 30 piloti che hanno preso parte al Casamicciola Grand Prix si sono dati battaglia fino alle 14 per assicurarsi un posto nelle fasi finali. Un circuito in grado di evidenziare tutte le caratteristiche dei carrocci, non è stato magnanimo con quelli che non erano settati alla perfezione per affrontare le lunghe curve e il veloce rettilineo che precedeva l’ultimo tornante. Infatti, se nelle altre gare può passare in secondo piano, sulla pista del Cretaio l’assetto del carroccio è fondamentale per chi ambisce a buoni risultati e il nostrano Adrian Newey: Giuseppe D’Abundo, ancora una volta ha dimostrato che in fatto di alchimie dei carrocci non ha rivali e il dominio della Bad Bull nelle fasi preliminari (4 piloti su 4, 3 dei quali nelle posizioni più alte dalla classifica) anche di questo GP è una chiara dimostrazione di quanto siano prestanti i veicoli che escono dalle officine di Via Cimmento Rosso.

Purtroppo, me non per gli altri piloti, nelle fasi finali a eliminazione diretta dove anche la fortuna gioca un ruolo importante, i Tori Cattivi vengono parzialmente ammansiti e ridotti batteria dopo batteria. L’esclusione di Mattera Dario, Romano Emanuele e La Monaca Marco mette nelle mani del vitello di razza Romeo Paolo le sorti della squadra. Protagonisti in sordina del GP, i restanti 3 posti della finale spettano a Impagliazzo Giuseppe (Ferrari), Polito Vitaliano (Calytto Racing) e Calise Giuseppe (Red Bull).

Nonostante  i finalisti siano 4, solo 3 possono realmente ambire alla vittoria. Tradito in semifinale dalla sua M3 Evo, la rottura dell’asse posteriore e del meccanismo che permette al carroccio di prendere velocità, annulla di fatto la competitività del pilota della Red Bull Calise Giuseppe che, schierato alla partenza della finale, può solo sperare in un piazzamento.

Complice una corsia favorevole, la Ferrari di Impagliazzo Giuseppe schizza subito in testa tirandosi dietro Romeo Paolo e Polito Vitaliano. Cosi composta la carovana dei carrocci percorre buona parte della pista con la Ferrari che prende un buon margine sui 3 inseguitori. Quando ormai le posizioni sembrano consolidate, una lieve indecisione della Rossa, seguita da una magistrale manovra all’esterno di Polito Vitaliano, capovolge le posizioni quando manca una sola curva al traguardo. Balzato al comando, Polito procede spedito verso l’ultima curva di una finale ricca di capovolgimenti. Infatti, approfittando di un piccolo spiraglio, Romeo senza troppi complimenti si infila all’interno dell’ultimo tornante strappando con cattiveria la prima posizione. Decise all’ultima curva, le posizione al traguardo sono le seguenti: 1° Paolo Romeo, 2° Polito Vitaliano, 3° Impagliazzo Giuseppe e 4° Calise Giuseppe.

Podio Casamicciola Grand Prix 2012Podio e Carrocci Casamicciola Grand Prix 2012

Finale Casamicciola Grand Prix 2012 con replay momenti salienti.

 

Giunto primo anche al Serrara Fontana Grand Prix, quella di Casamicciola e la seconda vittoria in campionato per Paolo Romeo che balza in vetta alla classifica mettendo una grossa ipoteca sulla vittoria del GdC Championship 2012. Inoltre, i punti totalizzati dall’intero team danno un netto strappo alla classifica squadre.

31-10-2012 12-56-24

31-10-2012 12-56-48

Mentre il campionato piloti è ancora apertissimo, solo un flop della Bad Bull potrebbe rimettere in discussione il campionato team, sempre che le altre squadre, Ferrari e Red Bull in primis, riescano ad approfittarne. A due gare dalla fine, il cambio di rotta deve necessariamente avvenire al prossimo Barano Grand Prix (che si disputerà ai Maronti il18 o 25 novembre prossimo), altrimenti, se proseguirà lo strapotere della Bad Bull, il titolo team, cosi come quello piloti, potrebbe essere assegnato prima che i carrocci tocchino l’asfalto del Succhivo GP, ultimo appuntamento del GdC Championship 2012. 

Un pensiero su “Casamicciola Grand Prix 2012: Tori Cattivi fino all’ultima curva.

Rispondi