Aperte le iscrizione per il Forio Grand Prix (Trofeo Gilles Villeneuve) 2012.

Le iscrizioni per il Forio Grand Prix (Trofeo Gilles Villeneuve), seconda tappa del GdC Championship 2012 che si disputerà domenica 9 settembre 2012, sono aperte.

I piloti che vogliono partecipare devono iscriversi entro le ore 20:30 di giovedì 6 settembre presso la Cartolibreria LeDa.

La quota di iscrizione è di € 30 e vi ricordo che è necessario fornire una copia (fronte/retro) di un documento di riconoscimento valido.

Il sorteggio per le batterie della fase eliminatoria, avverrà subito dopo la chiusura delle iscrizioni. Tutti i piloti sono invitati a partecipare.

2012 Locandina Forio Grand Prix

6 pensieri su “Aperte le iscrizione per il Forio Grand Prix (Trofeo Gilles Villeneuve) 2012.

  1. Forio gp hahahahahahahha che c azzecca mezza cosa abbiamo creato noi e invece di mettere il nome del nostro paese …………………..forio gp

  2. @Giuseppe Impagliazzo
    Per più di 20 anni si è sempre chiamata TGV, e non è mai stata nominata Panza. Perché qualcuno, prima, non ha mai pensato a chiamarlo Panza Grand Prix????
    In passato nessuno si è mai preoccupato ne di evidenziare Panza, ne, tanto meno, di dare il giusto ritorno agli sponsor (che invece ora hanno ampio spazio sul manifesto) che da anni, con il loro contributo hanno permesso il rinnovo dell’appuntamento. Personalmente, ritengo che siano loro i panzesi che meritano il giusto riconoscimento, insieme a diversi foriani che si sono sentiti in dovere di contribuire.

    Panza è una frazione, e poiché si tratta di un campionato isolano, è più giusto chiamarlo col nome del comune. D’altronde, anche il GP d’Italia si chiama cosi nonostante si disputi a Monza, e lo stesso vale per tutte le altre gare di F1. Ecco, si chiama GP d’Italia, perché trattandosi di un mondiale è giusto chiamare il GP col nome della nazione dove si svolge, e non della città.

    Non c’entra la F1? E allora perché i team si chiamano quasi tutti Ferrari, Jordan e cosi via? Se io vi dicessi che sarebbe più giusto chiamarli con nomi tipo: Campotese, Montecorvo, Scannella… voi cosa mi rispondereste?

    Se poi volete che la gara del carroccio resti relegata solo a Panza, allora è tutto un altro discorso. Fin dal principio, l’intento dell’Associazione è stato quello di allargare il bacino di appassionati, tant’è vero che quest’anno i carrocci correranno anche a Ischia, sperando che in futuro quella che al momento è una tradizione prettamente Panzese, diventi un appuntamento atteso da tutti gli isolani.

    Per facilitare ciò, è necessario slegarsi dalle origini, e aprire la mente, altrimenti resteremo sempre e solo ” 4 sciem e panz”.

  3. MEGLIO A RESTARE 4 SCIEM E PANZ CA A LECCARE U CULO A ST QUATT SCIEM SOPRA AL COMUNE NON SONO MAI STATI D’ACCORDO X QUESTO EVENTO OGNI ANNO SI INVENTAVANO QUALCOSA X IMPEDIRE DI FARLA SICCOME CHE L’ANNO PROSSIMO CI SONO LE VOTAZIONI ALLORA SI CHIAMA FORIO GRAND PRIX SCIùùùùùùùùùùùù MA FATEMI IL PIACERE……..

  4. @claudio
    Ma non sarà colpa del nostro atteggiamento se ogni anno s’incontrano difficoltà?
    Come mai quando presentiamo la richiesta su altri comuni le porte sono sempre aperte?
    Fatto sta, che la gara si è sempre fatta, e fin quando Panza non sarà un comune a se, il merito burocratico, volente o nolente, è sempre del comune di appartenenza, lo stesso che ci fornisce, oltre alle autorizzazioni, il corpo dei vigili e le transenne.
    Ripeto, fino a oggi nessun si è mai preso la briga di far risaltare Panza nel nome della gara (cosa che invece succede da sempre per il Succhivo GP), chiamata sempre e solo TGV. O forse Villeneuve è un cittadino emerito di Panza? Fatto sta che, al di fuori di Panza, sono pochi quelli che conoscono questa manifestazione, creata si dai Panzesi, e questo nessuno lo metterà mai in dubbio, ma che resta rilegata solo a loro.
    Per cui mi domando cosa ci sia da promuovere se, almeno finora, solo i panzesi sono al corrente di questa manifestazione.
    La precedente gara si è chiamata Serrara Fontana Grand Prix, e non Trofeo Ayrton Senna come in precedenza, e questo dovrebbe bastare a comprendere che la scelta del nome per la gara di Panza non è stata dettata da nessun interesse politico.
    In ogni modo, del manifesto avete letto solo il nome del GP, e nessuno si è accorto che, grazie all’attuale organizzazione, l’associazione può ora vantare il consenso di organi quali la Regione Campania, il CONI, la FIC’S e il Centro Sportivo Italiano, e godere dei relativi benefici, uno su tutti, la polizza assicurativa contro gli infortuni e la responsabilità civile verso terzi, cosa che in 24 anni nessuno è stato capace di fare.
    D’altronde, quelli che sanno solo parlare, devono per forza appellarsi a qualcosa per sminuire il lavoro di chi in meno di un anno è stato capace di fare ciò che altri non hanno saputo fare in più di vent’anni.
    Questa volta il motivo è stato il nome del GP, la prossima sarà qualcos’altro, ma non c’è da preoccuparsi, tanto a pensare alle cose serie ci sarà chi fa i fatti e non le chiacchiere.

Rispondi